sabato 10 novembre 2012

Quanto odio quando mi tolgono le foto...

Ogni tanto (molto di rado in verità) rileggo i miei vecchi post per bearmi di quanto io sia arguto, simpatico e perfino divertente. (no comment please). E scopro con rammarico che a volte il post e' privo, non per mia colpa, della foto originale da cui spesso il commento trae ispirazione. Insomma: senza foto non si capisce piu' il motivo del post ed io ne rimango proprio indispettito; anche perchè non ho modo di ritrovare l'immagine...
Si si, lo so... spesso l'immagine e' rubata su internet e magari me l'hanno tolta per punirmi... 
Vabbe'. In questo caso ce ne faremo tutti una ragione.

sabato 10 dicembre 2011

Il Gatto Tommasino eredita dieci milioni

La signora Maria Assunta, morta due settimane fa a 94 anni, lascia dieci milioni di euro al gatto Tommasino.
Qui e qui la notizia.
Vari giornali l'hanno pubblicata.
Peccato che sia falsa.
Il Canzona, che dovrebbe essere veramente avvocato, non e' nuovo a simili exploit: da tempo comunica ai giornali notizie fantasiose che piu' tardi si rivelano bufale. Ma come mai, non dico tra gli internauti che prediligono il copia e incolla, ma almeno tra gli addetti ai lavori non si usa piu' verificare le notizie?
Qui e qui notizie vere sul Canzona. Tra l'altro la bufala del gatto è l'esatta riproposizione di una notizia (falsa) del dicembre del 2009.
(e l'internauta si conferma credulone)

venerdì 9 dicembre 2011

E non di sola Chiesa...

Il pagamento dell'ICI ed i beni della Chiesa.
Gira in rete in questi giorni un accorato appello promosso dalla rivista Micromega che di ora in ora aggiorna i "fedeli" con nuovi esaltanti articoli.
Siccome ho notato una certa frettolosità nell'uniformarsi a proclami di cui non si conosce la portata, accontentandosi di comprendere (?) solo lo slogan, mi e' venuta la curiosità di approfondire. Certo non adoro il balzello appena reintrodotto ne' tanto meno la sua applicazione pratica con rivalutazione degli estimi agevolata per alcuni soggetti (Banche ed Assicurazioni in primis).
Tuttavia, pur non essendo un "baciapile", mi irrita questa ondata di anticlericalismo mascherata da "desiderio di Giustizia". Sembra ora che la sola causa di tutti i nostri mali sia, dopo Roma Ladrona, la Chiesa Ladrona!
Ed allora sono andato a leggere la " legge simoniaca approvata dal governo Berlusconi per cui il Vaticano è esente dal pagamento dell'Ici." E poi pure la CIRCOLARE N. 2/DF del 26 gennaio 2009 a cura del MINISTERO

DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE avente ad OGGETTO:Imposta comunale sugli immobili (ICI). Art. 7, comma 1, lettera i), del D. Lgs. 30 dicembre 1992, n. 504. Esenzioni. Quesiti.

Ed allora guardiamo un po' come funziona:

La suddetta esenzione deve essere riconosciuta quando ricorrono contemporaneamente:

un requisito di carattere soggettivo, rappresentato dal fatto che l’immobile deve essere utilizzato da un ente non commerciale di cui all’art. 73 (ex art. 87), comma 1, lettera c) del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, recante il Testo unico delle imposte sui redditi (TUIR) ovvero enti pubblici e privati diversi dalle società, residenti nel territorio dello Stato, che non hanno per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali”;

un requisito di carattere oggettivo, in base al quale gli immobili utilizzati devono essere destinati esclusivamente allo svolgimento delle attività tassativamente elencate dalla norma e dette attività non devono avere esclusivamente natura commerciale.

Sono considerati enti non commerciali:

gli enti pubblici, vale a dire gli organi e le amministrazioni dello Stato; gli enti territoriali (comuni, consorzi tra enti locali, comunità montane, province, regioni, associazioni e enti gestori del demanio collettivo, camere di commercio); le aziende sanitarie e gli enti pubblici istituiti esclusivamente per lo svolgimento di attività previdenziali, assistenziali e sanitarie; gli enti pubblici non economici; gli istituti previdenziali e assistenziali; le Università ed enti di ricerca; le aziende pubbliche di servizi alla persona (ex IPAB);

gli enti privati, cioè gli enti disciplinati dal codice civile (associazioni, fondazioni e comitati) e gli enti disciplinati da specifiche leggi di settore, come, ad esempio: le organizzazioni di volontariato (legge 11 agosto 1991, n. 266) [1]; le organizzazioni non governative (legge 26 febbraio 1987, n. 49, art. 5) [2]; le associazioni dì promozione sociale (legge 7 dicembre 2000, n. 383); le associazioni sportive dilettantistiche (art. 90 della legge 27 dicembre 2002, n. 289) [3]; le fondazioni risultanti dalla trasformazione degli enti autonomi lirici e delle istituzioni concertistiche assimilate (D.Lgs. 23 aprile 1998, n. 134) [4]; le ex IPAB privatizzate (a seguito, da ultimo, dal D.Lgs. 4 maggio 2001, n. 207) [5]; gli enti che acquisiscono la qualifica fiscale di Onlus (D.Lgs. 4 dicembre 1997, n. 460). Occorre precisare che nell’ambito degli enti privati non commerciali vanno ricompresi anche gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti secondo le previsioni dell’Accordo modificativo del Concordato Lateranense (legge 25 marzo 1985, n. 121 per la Chiesa cattolica) e delle intese tra lo Stato italiano e le altre confessioni religiose (ad esempio: legge 11 agosto 1984, n. 449, per la Tavola valdese; legge 22 novembre 1988, n. 516, per l'Unione italiana delle chiese cristiane avventiste del 7° giorno; legge 22 novembre 1988, n. 517, per le Assemblee di Dio in Italia - ADI; legge 8 marzo 1989, n. 101, per le Comunità ebraiche italiane; legge 12 aprile 1995, n. 116, per l'Unione cristiana evangelica battista d'Italia - UCEBI; legge 29 novembre 1995, n. 52 per la Chiesa evangelica luterana d'Italia-CELI).


E dunque, appreso che il Teatro alla Scala e' esente da Ici, con chi ce la prendiamo? Oppure le attività della pur prestigiosa Istituzione sono maggiormente meritevoli di tutela e dunque di esenzione? Certo sbaglio io a confrontare un luminoso tempio della musica e della cultura con gli oscuri antri del demonio cattolico... e' giusto denunciare la simonia professata dalla Chiesa che si permette di pretendere privilegi anche per locali commerciali... dunque il mese prossimo, tutti al concerto della Scala. E' gratis, ovviamente. O no??? Mica vorranno lucrare sulla cultura?

Ma sono esentati anche il Corpo Nazionale dei Giovani Esploratori ed Esploratrici italiani (ma chi? Emy Evy ed Ely e Qui Quo Qua???), l'Associazione Nazionale Famiglie Numerose, G.I.R.O.S. - Gruppo Italiano per la Ricerca sulle Orchidee Spontanee (e giuro che non faccio ironia, verificate qui l'elenco delle associazioni dì promozione sociale), l'A.I.G. - Associazione Italiana alberghi per la Gioventu, l'Associazione Nazionale di Amicizia Italia/Cuba, Trekking Italia – Associazione amici del trekking e della natura, Vishwa Nirmala Dharma [6], l' As.So. Di. Pro. - Associazione Solidarietà Diritto e Progresso, A.N.RR.A. - Associazione Nazionale Reduci D'Africa (ma quanti sono? due, tre...quanti ne son rimasti?), U.C.C.A. - Unione Circoli Cinematografici ARCI, Asini Si Nasce...e io lo Nakkui, Associazione Santa Lucia, Associazione Radio Maria (come???) etc etc...

P.S. avete in mente quel cinemino d'essai sotto casa, quello che proietta solo film mooolto impegnati (si ma il biglietto si paga lo stesso)? Be': e' esentato dall'ICI!

E mi venite a rompere con i privilegi della Chiesa Cattolica Italiana?????

E non e' finita qui...


1] Le organizzazioni di volontariato da una indagine Istat del 2003-2004 sono in Italia 21.021.

2] Un elenco parzialissimo delle ONG riconosciute dallo stato italiano e' sul sito del Ministero degli Affari Esteri. Per un elenco piu' dettagliato verificare qui.

3] Vedi qui per un vademecum completo.

4) Sono Enti autonomi lirici e istituzioni concertistiche assimilate: il Teatro Comunale di Bologna, il Teatro Comunale di Firenze, il Teatro Comunale dell'Opera di Genova, il Teatro alla Scala di Milano, il Teatro San Carlo di Napoli, il Teatro Massimo di Palermo, il Teatro dell'Opera di Roma, il Teatro Regio di Torino, il Teatro Comunale Giuseppe Verdi di Trieste, il Teatro La Fenice di Venezia e l'Arena di Verona sono riconosciuti enti autonomi lirici.

Sono istituzioni concertistiche assimilate l'Accademia nazionale di Santa Cecilia di Roma

5) Requisiti per beneficiare dell’esenzione per l’esercizio di housing sociale (vedi qui).

6) VISHWA NIRMALA DHARMA, Associazione senza scopo di lucro con sede principale in Magliano Sabina in Vocabolo Albereto n. 10, si occupa della diffusione degli insegnamenti di Shri Mataji Nirmala Devi, attraverso un complesso di esperienze, metodologie e tecniche di meditazione denominato Sahaja Yoga. In particolare l’Associazione organizza e sostiene attività e progetti dalle seguenti finalità: risvegliare, in coloro che lo desiderino, l’energia Kundalini presente in tutti gli esseri umani...

venerdì 13 marzo 2009

sabato 21 febbraio 2009

Coerenza

Da piu' parti proteste per i mega cachet del Festival di Sanremo. Un milione di euro a Paolo Bonolis (che pero' dice di averci lavorato per otto mesi), 350 mila euro a Roberto Benigni, 120 mila euro all'imbalsamato ultraottantenne Hugh Hefner e le sue conigliette (si ma dove sono Holly e Kendra???) , 100 mila euro al marito della Bellucci, Vincent Cassel e poi a scendere, 50 mila euro a Maria De Filippi (che pero' dice di partecipare a titolo gratuito e semmai darà i soldi in beneficenza), all’attrice Gabriella Pession 30 mila euro, ad Eleonora Abbagnato 15 mila euro, 10 mila euro, (compreso volo New York-Milano), a David Gandy (ma chi cacchio e'? Ah si, quello in costumino bianco della pubblicità Dolce&Gabbana) e 10 mila euro a ciascuno dei “padrini” , Vanoni, Gino Paoli, Zucchero e tutti gli altri. Si ignora quanto sia il cachet di Luca Laurenti.
Al coro di indigniazioni non poteva comunque mancare la voce di Walter Veltroni (prima delle dimissioni dalla guida del PD!) che ancora il 13 febbraio scorso chiedeva che: "questo paese torni ad essere più sobrio" affermando poi, da vero uomo di mondo: "Non mi preoccupa tanto il compenso di Bonolis, che è un professionista. Parliamo di un paese in cui si danno 300 mila euro a uno del Grande Fratello mentre gli operai [dell'Euroallumina di Porto Vesme] forse avranno una cassa integrazione da 880 euro. Un paese un po' diverso da questo disgustoso Truman Show berlusconiano nel quale stiamo da quindici anni e che sta producendo i danni che vediamo".
Due mesi all’Isola dei famosi (che certo non sarà il Grande Fratello del berlusconiano Canale 5 ma gli assomiglia molto), hanno portato 200 mila euro a Vladimir Luxuria la cui vittoria venne addirittura presa a simbolo del rilancio del PD. E gli operai non si erano lamentati (?).
Senza contare che, solo nel 2007, fu un ministro di Prodi, Il ministro per le riforme Luigi Nicolais (PD), a firmare una circolare che eliminava il tetto (272 mila euro) ai compensi per le star della Rai, previsto dalla finanziaria.
Insomma, i 300 mila euro dati ai vincitori del Grande Fratello per 4 mesi di "prigionia" (e mi si passi il termine) , secondo Veltroni, indignano i lavoratori molto di piu' dei 350 mila euro per 20 minuti di Benigni o del milione di euro per Bonolis. I gusti son gusti. E senza considerare, magari, che da una parte i soldi li tira fuori Mediaset e dall'altra il canone tivvu. Ovvero il servizio pubblico (forse) dovrebbe avere cautele maggiori...Ma per certa politica, lo abbiamo capito, la morale e' sempre quella: Piove! (Governo) Berlusconi Ladro!

martedì 3 febbraio 2009

Tenta di impiccarsi in cella: condannato a pagare le lenzuola!

Un curdo detenuto nel carcere di Trieste pernonsoqualemotivo decide di farla finita impiccandosi ad una corda ottenuta con due federe del corredino del carcerato. Le guardie lo salvano, il detenuto (presumibilmente) sconta la pena e ottiene perfino asilo politico. Senonchè lo stato chiede il conto delle due federe distrutte per un totale di sette euro. Il curdo paga ma la denuncia penale (danneggiamento di beni dello stato) fa il suo corso e l'aspirante suicida si vede condannare a 30 euro di risarcimento.
Vabbe', e' assurdo. Ma non ingiusto. Assurdo perchè tutto questo ci e' costato molto piu' di trenta euro, assurdo perchè non si persegue con altrettanta solerzia la condanna di ben altri reati. Ma tant'e'...
Il vero assurdo pero' e' un altro. Il curdo si appella alla sentenza. Ed in appello viene condannato ancora una volta (a 25 euro pero').
Ora posso capire tutto ma perchè cacchio ci si appella ad una sentenza di condanna a trenta euro??? Magari pure sfruttando il gratuito patrocinio????
E io pago....

mercoledì 14 gennaio 2009

Coming Out

Non so dove si trovi ma quest'insegna e' favolosa!
[http://oltreluna.spaces.live.com/blog/]

lunedì 12 gennaio 2009

Alka-Seltzer: New Year


Il dopo sbornia e' pericoloso!!!

Ma che fine hanno fatto i panettoni?

Ma vi ricordate gli scorsi anni i carichi di Panettone dopo-feste comprati a 1 o 2 euri e che duravano per lo meno fino a carnevale? Se ne compravano cosi' tanti
che era il pezzo forte di ogni dopo-cena ed alzi la mano chi non lo ha pucciato nel latte la mattina al posto dei biscotti...
Ma che fine hanno fatto?
Quest'anno non se ne trovavano piu' neanche il due gennaio...e stessa sorte hanno subìto i pandori...Chi ha contingentato i panettoni? Sono stati rubati dal folletto? Oggi ho visto un panettone (uno solo!) al SIDIS, in un angolino, tutto timoroso di mostrare la targhetta col prezzo di 14 euro!!! E per forza che era ancora li. Ma all'ipercoop e simili sono scomparsi anche loro, i supercostosi...Non se ne trova piu' neanche...a pagarli...si perche' fino all'anno scorso te li tiravano dietro...ma noi ne eravamo contenti. Ma quest'anno e' successo : ce li hanno tolti prematuramente. Sarà una mossa politica? Una protesta sotterranea, un avido e meschino calcolo? Boh!?! ! Andiamo avanti cosi': toglieteci tutti i piaceri della vita...

sabato 3 gennaio 2009

Frozen Zune: e non dipende dal freddo

Per chi non lo sapesse, lo Zune e' una specie di lettore multimediale della Microsoft, una sorta di antiIPOD (ma molto alla lontana). Non credo che la sua diffusione nel mercato italiano sia sconvolgente ma per chi volesse esaltanti notizie in proposito puo andare all'apposita pagina di wikipedia. A proposito: pare che la pagina sia stata scritta da un certo Bill G. (battuta!).

La notizia comunque e' che per lo Zune anno bisesto = anno funesto. Sembra infatti che i programmatori Micro non abbiano fatto i conti con i 366 giorni del 2008 per cui (ricordate il Millennium bug?) l'orologio interno dello Zune (sembra solo il modello 30gb) il 31 dicembre si e' bloccato irrimediabilmente.
Niente paura: Microsoft ha diffuso un fix per risolvere il problema. La soluzione, mooolto tecnica, consiste nel lasciar scaricare la batteria fino allo spegnimento completo ed attendere le 12,01 del 1 gennaio!!!! (qui si puo' ridere di nuovo).
Maggiori dettagli nel sito Zune support:

zune 30 faq
My Zune 30 is frozen. What should I do?
Follow these steps:
1. Disconnect your Zune from USB and AC power sources.
2. Because the player is frozen, its battery will drain—this is good. Wait until the battery is empty and the screen goes black. If the battery was fully charged, this might take a couple of hours.
3. Wait until after noon GMT on January 1, 2009 (that's 7 a.m. Eastern or 4 a.m. Pacific time).
4. Connect your Zune to either a USB port on the back or your computer or to AC power using the Zune AC Adapter and let it charge.
Once the battery has sufficient power, the player should start normally. No other action is required—you can go back to using your Zune!
My Zune 30 has been working fine today. Should I be worried?
Nope, your Zune is fine and will continue to work as long as you do not connect it to your computer before noon GMT on January 1, 2009 (7 a.m. Eastern or 4 a.m. Pacific time).
Note: If you connect your player to a computer before noon GMT on January 1, 2009, you'll experience the freeze mentioned above—even if that computer does not have the Zune software installed. If this happens, follow the above steps.

venerdì 2 gennaio 2009

Facebook, internet ed il Diritto all'Oblio (Reprise)


Ebbene si, ho ceduto anch'io: mi sono iscritto a Facebook!!!
Avevo pensato di resistere, credevo di resistere, ero convinto di farcela...e poi...SBAMMM! L'ho fatto!
Si ma...non e' che fossi rimasto indietro. Sono iscritto a (a puro titolo esemplificativo, non esaustivo ed in ordine sparso), Linkedin, Flickr, del.icio.us, tumblr, Ebay, Skype, Travian, Technorati, Blogger etc.
Vedremo che cosa succederà.

martedì 30 dicembre 2008

martedì 25 novembre 2008

martedì 18 novembre 2008

Facebook, internet ed il Diritto all'Oblio

In questi giorni, come mi giro c'e' un maniaco di facebook che mi assale. Mi sembra di essere tornato ai tempi in cui se non guardavi/commentavi/scimmiottavi "Quelli della notte" (ecco che abbasso drammaticamente il target dei miei lettori) ti sentivi un paria. Cose che succedono quando una trasmissione riesce a raggiungere un record di share del 51 per cent! Ma oggi il clima sembra identico considerando che chiunque, anche i piu' analfabeti (internettisticamente parlando), si pubblicano/incontrano/scambiano su facebook. E la cosa peggiore, come sempre accade in questo caso, e' il fanatismo evangelico che li spinge a tentare di convertirvi.
NOOOOOOOO! Non me ne frega niente di Facebook!!! (e vediamo quanto tempo resistero').
Ma Facebook e' la scusa (o l'occasione) per parlare del diritto all'oblio su internet. Che oblio sembra una parola sgradevole ed anche un po' triste e soprattutto controcorrente in un mondo virtuale dove, viceversa, c'e' la corsa ad apparire. Milioni di internettisti che pubblicano foto, tengono blog (ehm) diffondono in rete dati personali, email, indirizzi, numeri di telefono, indicazioni preziose che anche se frammentate e frammentarie sono facilmente aggregabili. Ma questo e' solo uno dei problemi. L'altro e' il tempo. Se il mio nome viene pubblicato sui giornali non necessariamente per una condanna ma magari perche' semplicemente indagato, dopo un po' non se ne parlerà piu' (soprattutto se nonostante il clamore delle prime notizie non vengo neanche incriminato) ed io potro' tornare a vivere tranquillo. E su internet? Basta una ricerchina e torna tutto attuale. Non solo, l'effetto domino, tipico delle notizie su internet, prese, riprese e ricopiate da siti web e blog, causerà una diffusione esponenziale della notizia.
Bene. Assumiamo che io abbia diritto ad una smentita od a chiedere la cancellazione di alcuni dati, della mia foto, del mio filmino (ehm...) o della semplice notizia che mi citi magari indebitamente. A chi mi rivolgo????
E quell'adolescente che pubblica di tutto e di piu', poi cresce e cerca lavoro. Ed il datore di lavoro naviga pure lui...quando non si tratta dell'universitario che viene coinvolto in un caso di omicidio e poi si scopre che nel suo blog parlava di coltelli e cose macabre, cosi' prima ancora di essere condannato viene considerato un maniaco (ogni riferimento a fatti di attualità...)
Riflettiamoci! Come mai tutta questa smania di apparire?

Aggiornamento: mooolto carina la funzione di ricerca dei compagni di scuola su Facebook!

10 buoni motivi per non aggiustare il pc agli amici...

Inizia la tua vita da call center: "loro" ti chiameranno in qualsiasi momento.

“Pronto, ciao ti disturbo?”
“Beh in questo momento sono in barca in ferie…”
“Ah… ma tanto tu fai presto in queste cose. Senti ho il computer che quando lo accendo mi da errore 000×32F33. Cosa può essere? Sono disperato…”
“Si, ma sono in mezzo al mare”
“Va bene. Dimmi cosa devo fare…”

Passeranno il tuo nome ai loro amici; tanto tu non hai un cacchio da fare che aiutare gli amici degli amici...
“Aspetta che lo chiedo a un mio amico, lui di sicuro lo sa. Poi è molto alla mano e se ha tempo ti da una mano volentieri.”

Sarai per sempre colpevole per qualsiasi danno futuro.
“Ti ricordi che l’anno scorso mi avevi installato quel programma per vedere i filmati? Ecco, stamattina, vado ad accendere il PC e non si accende più, cosa può essere successo? Non è che hai fatto qualcosa di strano?”

"il computer" e' materia che non ammette (per te) ignoranza. Pretenderanno che tu sappia risolvere al volo qualsiasi inconveniente causato da qualsiasi cagata abbiano fatto/installato sul loro computer.
“Senti, scusa se ti disturbo, ma mi appare una scritta "a program required for this install to complete could not be run"
“Ma che stavi cercando di installare?”
“IO???? Niente?”

Una volta eletto a "tennico" dei computer sei tennico per tutto cio' che e' "elettrico"
“Ciao, scusa se ti disturbo, ma ho l’home theatre della sala che non funziona più bene. Tu guardi anche quelle cose lì? Perchè è da qualche giorno che si sente un fruscio dal woofer e magari bisogna solo cambiare un fusibile…”

Vieni considerato un trafficante di hardware
“Ciao, scusa se ti disturbo, volevo comprarmi un PC portatile, tu non è che hai un'occasione?”
“No”
“Come no? Sei sempre in mezzo ai computer, tu che ci capisci. Beh se hai qualcosa fammelo sapere, intanto mi daresti un’occhiata a dei preventivi che mi sono fatto fare?” Secondo te e' meglio un Asus 44r55t349Z o un compaq 993j?

Ti richiederanno interventi alla cieca.
“Ciao, scusa se ti rompo, ma il PC non va più”
“Come non va più? Non si accende o cosa?”
“No no, si accende ma poi non va”
“Cos’è che non va? Il sistema operativo?”
“Io non ci capisco mica niente… non va”
“Ma che sistema operativo hai?”
“Office!! Guarda, fai prima se vieni qua a dare un’occhiata, aspetto, vai tranquillo, va bene anche stasera dopo il lavoro…”

Lavorerai sempre gratis… se va bene!
Al di là di qualche caffè offerto, non vedrai mai un soldo. Di sicuro, però, ne spenderai: viaggi, telefonate, probabilmente anche cavetti, vecchi componenti, batterie, viti, ecc…

Grazie alla tua disponibilità, sarai sempre sottovalutato e verrai classificato al massimo come “smanettone”
I “tecnici”, quelli veri, fanno le stesse cose che fai tu (forse con meno cura), ma prendendo 80 euro all’ora, saranno visti come semidei.

Serve davvero un decimo motivo? Eccolo:

Ah si, un Apple. Ma c'ha windows?

[liberamente tratto da dotnethell]

lunedì 17 novembre 2008

Isola dei famosi, quando la classe non e' acqua.

,

Solo un paio di perle della Siiiiiiiiiimoooo:
• "mi ha aperto il cuore ed anche qualcos'altro"
• "e chi, fracazzo da Velletri"?

Commissione di vigilanza Rai: il mistero del Presidente eletto ma non voluto.

La maggioranza vota un uomo dell’opposizione, Villari del PD al posto di Leoluca Orlando, "candidato"presidente della sinistra. Il senatore Villari pero', non si è (ancora) dimesso affermando che "si è rotta una prassi consolidata e non volevamo che accadesse". Intanto si bea dell'incarico ricevuto subendo le invettive di tutti i suoi...
Il piu' oltraggiato (dopo Walter), e' proprio Orlando che, in attesa del Tapiro di Striscia la Notizia, richiede a gran voce le dimissioni dell'infame (infame in senso politico-figurato-metaforico).
Di Pietro vede in Berlusconi il ''mandante dell'omicidio della democrazia'';
La Bindi dice: ''Quello che e' avvenuto alla Vigilanza Rai e' gravissimo. E poiche' Berlusconi ha voluto darci un'altra lezione di democrazia, pretendendo di scegliere anche la minoranza, dal mio partito e da Villari mi aspetto una lezione di eticita' e di coerenza, con un comportamento esemplare: dimissioni immediate''.
etc etc etc
Solo tre dubbi (sarebbero di piu' ma...):
1) a prescindere dalla "prassi consolidata", cosa significano eleggere e democrazia?
2) Villari, esponente della sinistra e senatore del PD non era eleggibile?
3) che intende la sinistra per "candidato" ?